Giovanni Ferrero, alla testa del gigante agroalimentare piemontese Ferrero e figlio del fondatore, ha annunciato lunedì 5 dicembre l’acquisizione della Delacre, società alimentare belga produttrice dei Delichocs e delle Cigarettes Russes, adorate dai Francesi.

Il nuovo direttore generale del marchio belga, Jerome Gregoire ha annunciato che Ferrero gestirà tutte le unità produttive, precisando inoltre che tutti gli impieghi e le collaborazioni in corso verranno mantenute. Ferrero aveva presentato l’offerta di acquisizione a luglio. Ottenere il marchio di biscotti Delacre permetterà cosi alla società di Alba di essere presente nel mercato dei biscotti di alta qualità, differenziandosi dai suoi caratteristici prodotti al cioccolato fra cui la celeberrima Nutella. Secondo alcuni economisti francesi, Ferrero farebbe fatica ad affermarsi coi prodotti al cioccolato sul mercato statunitense e canadese, dove la concorrenza di marchi quali Lindt o Godiva è molto forte. Da qui l’obiettivo di diversificare l’offerta col mercato dei biscotti. Delacre in particolare, sarebbe particolarmente attiva proprio in America. Si vanno così ad aggiungere all’impero Ferrero due stabilimenti produttivi in Belgio (a Lambermont) e in Francia (a Nieppe). Nelle due strutture lavorano circa 600 lavoratori e il giro d’affari corrisponde a oltre 130 milioni di euro. Dopo aver lavorato e accresciuto il fatturato per decenni autonomamente grazie a prodotti di grande successo quali Nutella e Ferrero Rocher, questa è la seconda volta in poco più di un anno che la società albese mira ad assorbire aziende esterne. Era già successo qualche mese fa con l’inglese Thorntons, produttrice di praline al cioccolato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here